www.arrapato.it

www.arrapato.it


L'arrapato è chi pensa solo ed esclusivamente al sesso.

ARRAPATO

Tra i prodigi del creato

il più grande è lei: la donna.

E per questo sto arrapato:

nuda, in pantaloni, in gonna



della donna non mi stanco,

c'ha qualcosa di speciale.

E perciò, se vado in bianco,

io divento un animale.



Nella lunga mia carriera

mai nessuna ha reclamato.

Bella mia, che fai stasera?

Vieni qua, che sto arrapato!

PSICOLOGIA

L'arrapato è chi pensa solo ed esclusivamente al sesso. Arrapato deriva da rapa. Un ortaggio da cui notoriamente non si può spremere sangue, ma che rappresenta il membro virile quando (proprio grazie al sangue!) è pronto per l'uso. La rapa costava pochissimo, ed era per questo molto presente sulle tavole partenopee. La rigidità della dieta dei napoletani (per secoli definiti con disprezzo "mangiafoglie") assumeva come simbolo la durissima rapa, che, sotto forma di aggettivo ("arrapato"), ha finito per rappresentare la condizione del maschio che, pur essendo fisiologicamente pronto all'accoppiamento, non può eseguirlo per la cronica mancanza di una donna disponibile. Oggi il desiderio sessuale è stato depenalizzato (da pena, non da pene): l'arrapato è in grado di soddisfare con frequenza il suo robusto appetito sessuale. L'arrapato è insomma un individuo attivo, esuberante, che ha molte energie. Questo termine, che una volta era una specie di condanna, oggi è insomma l'opposto: una promessa. E' necessario allora che il mondo conosca questa parte di noi, che si fonda su una salda struttura desiderante, e sulla capacità di soddisfarla. Niente di meglio che scriverlo nel tuo indirizzo: iltuonome@arrapato.it . In questo modo, chi è interessato saprà come mettersi in contatto con te: nelle chat, o sui siti di incontri, con l'indirizzo "arrapato" farai la tua porca figura. S-mail propone inoltre un altro indirizzo, intimamente connesso a questo: nome@fucuso.it. E' vero che non sempre l'arrapato possiede un temperamento focoso, passionale: e che potrebbe anche essere (come s'intendeva una volta) semplicemente uno che sta a stecchetto da un po'. Di converso, i tipi focosi sono quasi sempre degli arrapati cronici.